Ricordo benissimo la prima volta che ne vidi uno, girovagavo su youtube, saltando da un video all’altro come faccio spesso.Cercavo qualcosa che uccidesse un pò la noia, rimandando cose importanti da fare, in nome di una vita dedita al procrastinamento.
Dopo qualche video in cui un anziano giapponese, creava antichi vasi in argilla, finii sul canale “Gravity Glue”, insolito artista di origini canadesi di nome Michael Grab.

Siamo immersi nella natura fra piante e boschi incantevoli, un torrente si muove sotto i nostri occhi e tutto scorre fra i suoni dell’acqua e gli uccellini.
Lui, immerso e assorto in questo scenario, inizia a disporre in equilibrio alcune pietre che trova nel torrente, cercando bilanciamenti che distruggano il preconcetto di ciò che riteniamo possibile.Le guarda, le fissa, le sposta lentamente e arrivo a pensare che le ascolti, in una pratica che mi appare a metà strada fra l’arte e la meditazione.
Gli artisti che praticano questa forma d’arte, sembrano completamente assorti nel famoso ed inspiegabile “qui e ora”.
Sono sicuro, che il risultato, vi lascerà senza parole.

Questo tipo di opere, possono rientrare in quella che viene chiamata LandArt,
“una forma d’arte contemporanea sorta negli Stati Uniti d’America tra il 1967 e il 1968, caratterizzata dall’intervento diretto dell’artista sul territorio naturale, specie negli spazi incontaminati come deserti, laghi salati, praterie, ecc.
Le opere hanno spesso carattere effimero, ovvero nascono e muoio in un lasso di tempo relativamente breve e ciò che ne rimane, è solo una foto o un video a testimoniarle.
Nasce da un atteggiamento rigorosamente anti-formale in antitesi con il figurativismo della pop art e con le fredde geometrie della minimal art ” (grazie wiki).
Troviamo riferimenti a questa pratica anche nello Zen, insieme di scuole di pensiero e dottrine del Buddhismo Chán.

Yago – Rock Balance – 2018

Trovare un equilibrio, nei tanti momenti difficili della vita, non è facile.Bilanciare le pietre però, mi ha insegnato,che cercando dentro noi stessi c’è sempre un modo, anche quando sembra impossibile.

Geplaatst door Yago op Maandag 20 augustus 2018

Consigliati:

Gravity glue di Michael Grab

Manu topic

Pontus Jansson

Kubota Takeharu

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here